VALUTAZIONE DI CLIMA E IMPATTO ACUSTICO (L. 447/95)

ConsUp si avvale di professionisti iscritti all’Elenco Nominativo Nazionale dei Tecnici Competenti in Acustica (D.Lgs. 42/2017) e Fonometro di Classe 1 conforme a quanto previsto dal D.M. 16/03/1998.
Le misurazioni fonometriche possono essere utilizzate al fine di verificare in maniera diretta i livelli di rumore in ambiente abitativo o, utilizzate come dati per fare previsioni di rumore su strutture non ancora esistenti, tramite software specifici.
L’inquinamento sonoro è ormai da tempo considerato tra le maggiori cause di deterioramento della qualità della vita, in particolare quando sorgenti rumorose continue o intermittenti sono percepite negli ambienti abitativi durante i periodi dedicati al riposo. La normativa ambientale in materia di inquinamento acustico è incardinata nella Legge 447/95, cui si collegano numerosi decreti applicativi riguardanti aspetti specifici (limiti, modalità di misura, professionalità tecnici competenti, ecc…). Nello specifico la normativa impone valutazioni di Clima Acustico quando si tratta di valutare la compatibilità di costruzioni edilizie rispetto a sorgenti sonore esterne preesistenti (tra cui strade, linee ferroviarie, ecc.), e valutazioni di Impatto Acustico quando si tratta di autorizzare l’inserimento di nuove sorgenti di rumore riconducibili ad attività produttive o commerciali in un contesto residenziale preesistente.

ConsUP dispone di un software previsionale acustico in grado di calcolare i livelli di rumore attuali e futuri in un qualunque punto di una qualunque area di indagine.

Il software consente infatti di costruire un modello tridimensionale dello scenario da valutare, comprendente i rilievi del terreno, le altezze degli edifici (esistenti o di progetto), le sorgenti di rumore derivanti da impianti industriali, di climatizzazione, traffico veicolare o ferroviario.
Impostando opportunamente l’intensità delle sorgenti di rumore, anche attraverso misurazioni strumentali in loco, è possibile calcolare presso qualsiasi punto critico (ad esempio le facciate degli edifici residenziali) il livello di rumore diurno e notturno, in presenza o in assenza della sorgente sonora disturbante, in modo da verificare il rispetto o il superamento dei limiti di legge.

Il software consente infine, nel caso di superamento dei limiti di legge, di modellare eventuali barriere acustiche necessarie a ridurre il rumore percepibile presso i punti di calcolo.