Valutazione rischio elettromagnetico

Al di sopra di certi valori soglia, le emissioni o radiazioni elettromagnetiche sono considerate una minaccia sia a livello di popolazione generale che in ambito lavorativo. Le misurazioni strumentali o i risultati di calcolo (nei casi previsti) dei livelli di campo magnetico o elettrico indotto devono quindi essere confrontati con i limiti di esposizione relativi alla popolazione di cui ai D.P.C.M. 08/07/2003.

Cosa possiamo fare noi di persona?

Consup dispone di sonde in grado di misurare il campo elettrico e magnetico nello spettro di frequenze da 0 a 400 kHz (comprendente campi indotti da correnti alternate a 50 Hz, le più comuni sorgenti di campo elettromagnetico in ambito professionale), e sonde per la misurazione di campo elettromagnetico nelle radiofrequenze (fino a 8 GHz).

I risultati delle indagini vengono presentate nella Relazione Tecnica che, oltre alla normativa tecnica, tiene conto anche delle Indicazioni operative fornite dal Coordinamento Tecnico Interregionale della Prevenzione nei luoghi di lavoro delle Regioni e delle Province autonome (CTIPLL), in collaborazione con l’INAIL.
Le linee guida dell’ICNIRP sono assunte quale riferimento tecnico-scientifico dalla direttiva 2013/35/CE che stabilisce i requisiti minimi per la protezione dei lavoratori dalle esposizioni ai campi elettromagnetici nell’intervallo di frequenze tra 0Hz e 300 GHz.

La nostra assistenza è trasversale e spazia dalla consulenza alla formazione del personale, passando per la misurazione dell’esposizione ai campi elettromagnetici nella sede aziendale. Grazie ai nostri esperti in compatibilità elettromagnetica potrai:

  • Verificare l’effettiva esposizione ai campi elettromagnetici;
  • Elaborare il documento di valutazione del rischio;
  • Formare il tuo personale sull’uso di metodiche di lavoro e attrezzature volte alla prevenzione del rischio elettromagnetico;
  • Aumentare il livello di sicurezza della tua attività;
  • Rimanere aggiornato sulle scadenze di legge e gli oneri, ricevendo alert puntuali via email o telefono;

Perché la valutazione del rischio elettromagnetico è importante?

Campi elettromagnetici (CEM) particolarmente elevati possono dare origine a interferenze con apparecchiature, ma anche ad alterazioni delle normali funzioni fisiologiche nell’organismo. Sebbene la materia sia al momento ancora controversa, la legge europea e italiana è tuttavia molto chiara sulle misure da prendere in esame per creare un ambiente di lavoro salubre e a basso rischio. Tra gli accorgimenti ricordiamo la limitazione della durata all’esposizione, l’adozione di strumentazioni tecniche idonee, la scelta di attrezzature di protezione e sicurezza adeguate. Rispettare gli adempimenti significa conoscere il livello di rischio e selezionare gli accorgimenti e le contromisure necessarie per una protezione dai campi elettromagnetici all’altezza delle aspettative.

Cosa puoi fare tu online?

Punto di partenza per una valutazione del rischio a norma di legge è l’analisi dello scenario e quindi della documentazione in possesso. Ambito di business, dimensione del fabbricato, tipologia di strumentazioni presenti, documento di valutazione del rischio aggiornato… Se mancano uno o più di questi dati, sarà necessario recuperarli o redigerli nel rispetto del quadro normativo. Grazie alla nostra piattaforma è possibile affrontare questa fase anche online, con pochi, semplici clic del mouse. Ecco i passi da seguire:

  • Accedi al preventivatore automatico per la valutazione del rischio elettromagnetico e la compatibilità elettromagnetica, compila la richiesta e calcola il prezzo;
  • Iscriviti alla demo gratuita di ConsUp Cloud;
  • Carica i documenti disponibili per la tua attività (nel caso di sorgenti ad alta frequenza possono essere utili i libretti di uso e manutenzione, dove dovrebbero essere indicate le frequenze di emissione);

Mettiti comodo, ti contattiamo noi!